16 giugno 2009

Travaglio accusato da Sofri che difende la Bignardi che è indifendibile

Slash mi fa presente che Luca Sofri, al tempo dei blogger chiamato Wittgenstein, ha dato del pirla e altro a Marco Travaglio. Ora, se ha delle ragioni per farlo in pubblico, sarà anche motivato. Ho pensato, un po' dubbioso.
Tralasciando il super IO che regna in Sofri Jr evidente anche dal nome scelto per il suo blog (lui per chi non lo conoscesse è figlio di Adriano Sofri) non posso perdermi questa occasione di commento perchè, e lo voglio dire subito, il mio è di parte.
Luca Sofri è il marito di Daria Bignardi (commentata pochi post prima di questo proprio sull'argomento).
Allora succede che Travaglio ha attaccato la Bignardi perchè aveva promesso che la famosa intervista a Beatrce Borromeo e a Vauro, censurata dal direttore di rete Marano, sarebbe andata in onda prima della fine del programma che è terminato però la settimana scorsa.
E dell'intervista nessuna traccia.

La Bignardi porta avanti ancora la stronzata della par condicio che sa benissimo essere una scusa qualunque. Lei sostiene che per la par condicio ci deve essere il contraddittorio, ma così non è.
La par condicio riguarda i politici, non i privati cittadini e riguarda il tempo di esposizione che deve essere dato ai partiti in parti uguali. Quindi va bene anche: oggi tu, domani lui.
Altrimenti ogni puntata di ballarò, annozero, porta a porta, avrebbe dovuto avere un'esponente per ogni lista contemporaneamente e non mi risulta sia stato così (sulla mia scheda ce ne sarnno state almeno 15).
E infatti Berlusconi pochi giorni prima dell'intervista della Borromeo e di Vauro è andato da Bruno Vespa per fare un monologo di due ore sulla sua vita privata senza nessun contraddittorio e nella puntata di cui sto parlando, che era registrata, è andata in onda e udite, udite, senza contraddittorio, un'intervista al ministro leghista dell'Agricoltura.

In ogni caso Sofri mi si è rivelato per quello che ho sempre pensato fosse, un povero pseudo intellettuale, noioso quando parla, scontato con la sua esibizione di conoscenza del mondo USA e di quanto lui sia cool e aggiornato sui fatti inutil della west coast.

Insomma, a me Travaglio piace, ma non sarei disposto a difenderlo a spada tratta contro tutti e tutto ma Sofri credo stavolta l'abbia fatta grossa e non abbia fatto passare quei famosi 5 minuti che sono sempre consigliati prima di rispondere a qualcuno, quando si è incazzati.

Ho pubblicato su OKNOTIZE questo post per vedere come funziona.
Se ti è piaciuto votalo con un bel SI; se non ti è piaciuto, fai clic su un bel NO!
A presto
Il Pifferaio

2 commenti presenti:

rossana ha detto...

lo voterei anche, capissi davvero come funziona (ci ho provato, non so se il voto sia stato registrato). La storia dell'intervista censurata della Bignardi è una delle pagine più vergognose della tv pubblica. Forse per quello non l'hanno mandata in onda come avevano detto. Sarebbe stata durissima giustificare come "mancanza di contradditorio" la non messa in onda di ciò che erano chiamati a rispondere dalle domande della Bignardi, due privati cittadini. Sarebbe stato chiarissimo a troppi che solo di censura tout court si è trattato. Il che ci conferma che in tv è accettata solo la condiscendenza e l'allineamento...

Il Pifferaio ha detto...

Il tuo commento è per me 'più prezioso' del voto :-)
Di questa storia la cosa che più mi fa arrabbiare è che da una come la Bignardi, che non è proprio come Marco Travaglio ma nenache come Bruno Vespa, mi aspettavo un atteggiamento almeno un po' più onesto, ma constato che anche lei non è dalla parte dei 'giusti'. E ho usato sufficienti virgolette.

Per oknotizie: se fai clic sul link in fondo al post, dovrebbe aprirti una nuova pagina con in alto una barra e la possibilità di votare, a sinistra, su SI o NO.
A presto
Il Pifferaio

Related Posts with Thumbnails